close
ezra-pound
loading...

Poi scendemmo alla nave,
e la chiglia tagliò il divino mare
drizzammo l’albero e le vele della nave negra,
a bordo portammo pecore e i corpi nostri
carichi di lacrime, e il vento in poppa
ci avviò con panciute vele,
di Circe benecomata arte fu questa.
Poi sedemmo sulla nave, correndo col vento
a vele tese sino a sera.
Spento il sole, ombra sull’oceano,
noi venimmo al limite delle acque profonde,
alla terra dei Cimmeri, e città popolose,
sovra tessuta nebbia fitta, mai strale
di sole la trafigge
nè rotando alle stelle, nè tornando dal cielo,
notte fosca copre quella misera gente.
L’oceano in moto contrario, noi venimmo al luogo
predetto da Circe.
Qui Euriloco e Perimede compiron riti,
traendo la spada dal fianco
scavai il fosso di un cubito quadro;
ad ogni morto spargemmo libagioni,
Idromele, poi vin dolce, acqua con bianca farina.
Molte orazioni mormorai sulle inferme teste dei morti:
come d’uso, giunto ad Itaca, i migliori bovi
sacrificherò, ammassando beni sulla pira,
e al solo Tiresia un nero campano.
Sangue scuro scorreva nella fossa,
anime dell’Erebo, morti cadaverici, schiere di spose,
di giovani e di vecchi provati dagli affanni;
anime ancor macchiate di fresche lacrime, blande fanciulle,
uomini molti, dalle teste tartassate da lance di bronzo,
predati in guerra, ma pur recanti sanguinose armi,
mi s’affollarono intorno, urlando,
impallidii, gridai ai miei uomini per altre bestie;
trucidarono i greggi, pecore colpiron con bronzo;
versai unguenti, invocai gli dei,
l’immane Plutone, lodai Proserpina;
a spada sguainata
allontanai gli impetuosi ed impotenti morti,
fino ad udir Tiresia.
Ma prima venne l’amico Elpenor,
l’insepolto, gettato sulla terra lata,
salma abbandonata in casa di Circe,
non pianto, non sepolto, ché altro urgeva.
Miserando spirito. E io gridai affrettato:
“Elpenor, come giungesti all’oscura sponda?
Hai preceduto a piedi i rematori?”
Ed egli con parlar lento:
“Malo fato e molto vino. Dormii presso il fuoc di Circe.
Scendendo caddi per la lunga scala
contro il barbacane
rompendomi l’osso del collo, e l’anima cercò l’Averno.
Ma vi prego, sire, ricordatevi di me, non pianto e insepolto,
ammucchiate l’armi mie, la tomba sul lido porti:
Misero fu, ma con fama futura
E sul tumulo s’innalzi il remo mosso tra i compagni”.
Venne Anticlea, che tenni lontana, poi Tiresia di Tebe,
tenendo l’aurea verga, mi riconobbe e per primo parlò:
“Una seconda volta? Perché? Uomo di torva stella,
visiti i morti senza sole e questo regno infausto?
Via dal fosso, fa ch’io beva il sangue,
e vaticini.”
Ed io indietreggiai,
ei, forte di sangue, disse: “Odisseo
tornerà pur Nettuno contrario, sovra mari oscuri,
perderà tutti i compagni”. Anticlea rivenne.
Taccia ormai Andreas Divus (che cito).
In officina Wecheli (stampato) A.D. 1538, da Omero.
Oltrepassò le Sirene, lungi da lì
sino a Circe.
“Venerandam”.
In stile cretense, con l’aurea corona, “Venerem,
Cypri munimenta sortita est”, gioconda, oricalca,
auree cinte alla vita e ai seni, palpebre di bistro,
che portò il ramo d’oro dell’Argicida. Si che:
I BELIEVE IN THE RESURRECTION OF ITALY QUIA IMPOSSIBLE EST NOW IN THE MIND INDESTRUCTIBLE

0
Close