close

Elezioni

Elezioni

CHIEDI VOTI SUL WEB, ECCO 7 CONSIGLI PER UNA PUBBLICITÀ ELETTORALE DI SUCCESSO!

qualunquemente_01
loading...

In onore delle numerose amministrative sparse un po’ per ogni dove abbiamo creato questo piccolo compendio di consigli per muoversi al meglio con internet e la pubblicità elettorale anche perché riteniamo che la pubblicità su internet sia meglio di quella cartacea e incredibilmente inquinante che si fa dalle nostre parti.

Una campagna elettorale di tutto rispetto non può mancare su Internet. È, quindi, molto importante che tu promuova la tua campagna elettorale anche online. Per ottenere il massimo dal web, non dimenticare di aggiungere link al tuo sito e di essere presente sui social network. Oggi questi importanti strumenti di comunicazione sono fondamentali per la politica. Col tempo le pagine del tuo sito saranno sempre più visibili e grazie alle parole chiave sarà più facile trovarti.

Ecco 7 consigli per una campagna elettorale di successo:

 

1.       Fornisci chiaramente informazioni su di te – Il tuo nome e cognome, la tua lista, la data delle elezioni, il tuo programma … Spesso si dimentica di inserire i dati essenziali anche nella pagina dei contatti. Sottolinea la data delle elezioni invitando chi vi legge a prendere “appuntamento” con te.

2.       Il contenuto di qualità non basta – Puoi candidarti per la migliore posizione ai vertici della politica nazionale ma hai ancora bisogno di convincere gli elettori a votarti. È molto importante, quindi, spiegare i reali motivi per i quali volete il loro voto.

3.       Il lato umano del progetto  – Va bene un sito professionale, ma non troppo! Oltre ai contenuti istituzionali non dimenticare di scrivere qualcosa di personale che vada dritto al cuore dei  sostenitori per coinvolgerli nel tuo progetto.

4.       Troppa confidenza – Dall’altro lato essere troppo confidenziali può essere negativo. È bene mantenere quella sottile distanza che non può far altro che aumentare la fiducia in te.

5.       Evitare di essere incompleti tralasciando informazioni importanti – Ogni pagina dovrebbe richiamare all’azione. Di solito sui siti c’è una pagina dove viene richiesto qualcosa. Su una pagina di donazioni, vengono richiesti contributi in denaro; su un sito di volontariato, vengono richieste persone. Sul tuo sito viene richiesto un voto. Quindi, non avere paura di chiedere di votarti, su facebook, su Twitter. Può solo accrescere la tua attività sociale.

6.       Non restare isolato – I siti web non sono isole a se stanti. Se sei presente nei social media, connettiti con altri profili, aggiungi widget nel tuo sito per mostrare on-line con chiarezza la tua attività.

7.       Rispetta la grammatica – Aspetto basilare ma particolarmente importante. Controlla e fai controllare i testi più volte. Non c’è niente di peggio che trovare su un programma elettorale errori di grammatica.

read more
ArienzoElezioniSenza categoria

Elezioni Arienzo 2016:Domenico e Peppe per la volata finale, Davide bocciato fa il gioco della carota.

cavallo carota
loading...

cavallo carota

Prosegue la campagna elettorale ed i giochi cominciano a delinearsi.Si sono succeduti diversi comizi e diversi eventi che han dato agli arienzani parecchi dati da analizzare.

Un punto importante della discussione politica è stata la diatriba “Arienzo è tua-Arienzo condivisa” che prima ha visto Davide Guida e Crisci Francesco “Palladino” respingere a vicenda le accuse sulle cause della caduta dell’amministrazione, per poi tacere entrambi come se nulla fosse successoquasi come se si fossero accordati.Nella questione è entrato , a gamba tesa, Domenico Cangiano con il manifesto “BASTA BUGIE” che a conti fatti è l’unico ad aver segnato un punto su questo tema.Questione sfiducia: silenzi e domande eluse, gli arienzani non conosceranno mai la verità!

Passiamo alla disamina delle forze in campo:

  • Peppe Guida sta portando avanti la sua battaglia personale in maniera lineare e la sua compagine risponde bene. Ha tenuto meno comizi degli altri, vuoi per la sorte; vuoi per opportunismo politico il suo progetto tiene banco. Dai palchi sono stati equilibrati ed han “dato a Cesare quel che è di Cesare”, infatti non sono passate inosservate le bocciature e le promozioni fatte da O’ Colonnello nel comuizio della frazione Costa.Peppe: papabile per la vittoria finale, qualche dubbio sulla solidità politica.

  • Domenico Cangiano continua a martellare con programmi e soluzioni, rispondendo e rimandando al mittente tutte le illazioni. Ottima la risposta della piazza, apprezzatissimi gli spunti.Ha posto dei temi alla piazza a cui gli avversari non hanno dato risposte, anzi son fuggiti dal confronto ed invece di risposte ha ricevuto offese. Cangiano:pietra miliare di questa tornata, sorpresa politica assoluta e principale avversario di Peppe Guida.

  • Davide Guida ha iniziato male e sta proseguendo peggio. Ha tenuto due comizi fotocopia (Capodiconca e Costa) senza aggiornare il registro.La sua politica banale e infantile è diventato uno spettacolo di cabaret. Ha basato tutto sulla provocazione nascondendo l’assenza di programmi dietro attacchi (come gli han fatto notare gli avversari dai palchi). Ha ridotto la sua campagna elettorale ad uno sfoggio di retorica.Ha fatto parlare ai suoi comizi tutti i suoi candidati, anche se questi non avevano nulla da aggiungere al discorso politico, pretendendo che gli altri parlino secondo una sua scaletta(è un diritto prendere la parola, ma non un obbligo e non è certo lui a dare diritto di tribuna agli altri). Ha eluso temi importanti come: sfiducia; servizio civile;scuola “N.Valletta” e mensa scolastica ed ha distratto l’opinione pubblica con questioni riguardanti morti e persone non candidate che ovviamente non hanno potuto ribattere.Davide Guida ha voluto dare alla sua compagine l’immagine del nuovo, del giusto e del “mentalmente aperto” ma ha vietato ai suoi di assistere agli altri comizi. Una scelta che sa tanto di ipocrisia, così facendo viene meno il confronto ed il dibattito politico, si riduce il tutto ad uno spettacolo fatto di “battimani comandati”. A sostegno di questa tesi c’è anche la strategia della sera del 2 giugno: prima farà un comizio ai Crisci per poi spostarsi ad Arienzo con una paninata (in concomitanza dei comizi delle altre due liste); la cosa sembra studiata di proposito, come il cavallo con la carota.La sua strategia sta tutta nel tenere la gente lontana dai comizi delle altre due liste in pieno stile Cetto La Qualunque.Davide:ha toppato,è venuto fuori come un tiranno egocentrico.Ha condotto una campagna elettorale senza contenuti, curando l’apparenza ma non la sostanza e con una disfatta all’orizzonte ha commesso errori su errori.Bocciato (cit.)

  • E per finire i giovani. Mentre il gruppo inquadrato e politicizzato va scemando, le altre formazioni hanno aperto un dibattito. Da una parte c’è chi dal palco inveisce anche contro i social network(non han capito che la politica ammette un contraddittorio) ed ha come collante l’organizzare serate(cit comizio piazza Valletta) dall’altra parte c’è chi apre dibattiti politici trasversali, ragazzi che lavorano per dei progetti, ragazze che non dormono per studiare determine, delibere e capire i meccanismi della macchina burocratica. Da una parte ci sono giovani che crescono politicamente dall’altra c’è chi piantona l’ingresso dei bar per scrutare i movimenti degli avversari. Purtroppo c’è chi ancora alimenta la banda del testosterone.Ci auguriamo che tutto questo, per il bene dei giovani, scemi dopo le elezioni .

Autore: Basilio il Macedone

read more
ArienzoCampaniaCasertaElezioniOpinioniSenza categoria

Elezioni Arienzo 2016:Davide Blackout, adrenalina a 1000 per Peppe

peppe guida
loading...

peppe guida

 

La tanto infuocata campagna elettorale delle amministrative di Arienzo prosegue, e siamo ormai giunti alla vigilia del primo comizio del candidato Giuseppe Guida con “Arienzo nel cuore”. Guida arriva carico a questo appuntamento e l’attesa “strategica” sembra premiarlo, tutta Arienzo sta fremendo per scoprire cosa dirà e che sorprese ha in serbo per gli arienzani. Attivissimo in ogni angolo del comune sembra avere uno o due cloni. Infatti, Guida, è stato avvistato in ogni contrada ed anche se fino ad ora non ha fatto rumore sta lavorando sodo. Stratega, con la sua attesa ha caricato per l’occasione anche il più pigro dei bradipi di Arienzo.

Domenico Cangiano con la lista “Insieme” ha deciso di passare in silenzio il fine settimana non solcando il palco ma affidando il suo messaggio a video diffusi via web. Al contatto unidirezionale dei comizi ha supplito seguendo la strategia di Peppe Guida e come questi sta incontrando le famiglie una ad una nelle strade e nei vicoli del comune.Cauto,sta mettendo in pratica ciò che ha annunciato alla sua presentazione.

Davide Guida con “Arienzo è tua” brancola nel buio, una settiamana veramente nera per il giovane Yuppie . Attacchi a destra e a manca lo hanno visto al centro della scena, come è giusto che sia vista la storia recente di questo comune.Prima un ex membro dello staff del sindaco gli ha spiattellato i dati di un fallimento amministrativo: a fronte di un taglio propagandistico son venuti meno dei servizi essenziali come l’assistenza ai soggetti deboli, reddito minimo per le famiglie bisognose e la perdita del servizio civile. Se un sindaco si assume la responsabilità Politica di eliminare lo staff, dovrebbe essere lo stesso a svolgere quei compiti, cosa che Davide ha ignorato. Dopo è stata la volta di Italo Di Pietro(già sostenitore di Davide nella precedente occasione) che ha contestato la gestione degli eventi della sua amministrazione. Non sono passate inosservate nemmeno le gaff sulle piazze mai esistite sintomo che “Arienzo non è più sua”.Ha impostato male la campagna elettorale perchè non si è reso conto che venire da un opposizione chiassosa è diverso dal ripartire dopo un fallimento.Davide non è più il nuovo che avanza, ma il vecchio che arranca.
Sul versante giovani ci sono interessanti novità. Italo Di Pietro è stato intercettato, in piazza Lettieri, dai ragazzi di Cangiano con i quali ha avuto un confronto.Tra una birra e una battuta s’è sviluppata una vera e propria gara con la collega Vincenza Guida nel loro campo, l’animazione. I giovani del gruppo “Insieme” sono di molto cresciuti, e in pochi giorni son più che triplicati, al punto che la sede del comitato vive della loro presenza. Hanno dimostrato di incarnarne al meglio l’essenza del progetto “Insieme” e hanno elaborato una cosa tutta loro. Han reso noto che si organizzeranno autonomamente così come la cosa è nata; che eviteranno di trasformarsi nell’ennesima “banda al testosterone” ossia un gruppo di bulletti organizzatisi per contingenze elettorali; che gestiranno il dibattito in maniera collegiale, leggera o seria in base ai temi che si presenteranno; che opereranno in maniera egalitaria rispettando tutte le opinioni. I fiori più belli, che già vivono e rendono attiva la piazza Arienzana, stanno sbocciando.

read more
ArienzoCampaniaCasertaEconomiaElezioni

Elezioni Arienzo: Diglio battagliero lancia una proposta per Arienzo

diglio
loading...

diglio

VINCIAMO INSIEME. Il mio impegno per Arienzo sarà ancora maggiore. Noi della lista INSIEME lavoreremo per intercettare finanziamenti regionali ministeriali ed europei. La Politica agricola comunitaria 2014-2020 affronta con rilievo il tema del ricambio generazionale in agricoltura. Lavoreremo per avere l’olio DOP ad Arienzo, e incentivare ai giovani agricoltori ad investire nell’agricoltura. Ci sono fondi europei che offrono un sostegno finanziario ai giovani agricoltori, conduttori di micro e piccole imprese. L’ultima importante novità che ci sono fondi per creare cooperative nei Psr 2014-2020. Valorizzare i prodotti d’élite come il nostro olio, e un modo per creare anche occupazione lavorativa per incentivare la vendite dei prodotti e promuovere il territorio. Lavorare INSIEME sarà la nostra missione. #DomenicoCangianoSindaco

read more
dirittoElezioniPolitica

Breve stupidario dei Ri-Costituenti

download
loading...

Lista provvisoria degli insulti rivolti a chi dice di opporsi alla “Riforma Costituzionale”:
1)”Difendete il codice di Hammurabi”(il che suggerisce che questi signori non solo non hanno letto la Carta del ’48 ma nemmeno il codice di Hammurabi del quale uno dei punti cardini era “occhio per occhio dente per dente”,e non si vede dunque quale attinenza c’è fra il difendere la Costituzione e il codice di Hammurabi).
2)”Chi vota no vota no come Casapound” (giusto,dunque chi difende la separazione dei poteri minacciata da questa schiforma costituzionale è meritevole di essere accostato ai neofascisti,da annotare).
3)”Siete l’italia che dice sempre no” (se proponete cazzate antidemocratiche è sacrosanto dire no,quando farete l’interesse generale e non attuerete i “suggerimenti” di Jp Morgan e altri consessi che tutto hanno in mente tranne la democrazia ne riparleremo).
4)” Voterete contro questa riforma che riduce il numero dei politici” (dunque togliere l’elettività al Senato e metterci dentro la peggior classe dirigente che abbiamo in Italia,i consiglieri regionali,significa “ridurre il numero dei politici”.
Se aveste voluto ridurre il numero dei politici avreste dimezzato il numero dei componenti di Camera e Senato:andatela a raccontare a qualcun’altro questa balla).
5)”Voterete nello stesso modo di Berlusconi” (a parte che questa schifezza Berlusconi ha contribuito a scriverla e vogliamo ancora vederlo votare no votando contro gli interessi delle sue aziende,se per la prima volta facesse qualcosa di giusto,saremmo lieti di votare allo stesso modo).
Tralasciamo per carità di patria gli improperi rivolti ai migliori costituzionalisti italiani schierati quasi tutti per il No,anche perché loro sanno difendersi molto bene da soli senza bisogno da questi attacchi piduisti 4.0.

Elenco incompleto perché fino ad ottobre ne vedremo ancora tante.

read more
CasertaElezioni

Comune di Caserta, entro la fine di ottobre domande per l’inserimento nell’albo dei presidenti di seggio

sede comune caserta
loading...

sede comune casertaCASERTA – Domanda per l’inserimento nell’albo dei presidenti di seggio nel comune di Caserta. Il Comune di Caserta comunica che per poter svolgere la funzione di presidente di seggio elettorale è necessario essere inseriti nell’apposito albo, depositato presso la Corte d’Appello di Napoli. Gli interessati dovranno presentare all’Ufficio elettorale comunale apposita richiesta di iscrizione nell’Albo entro il mese di ottobre di ogni anno. Qualora la domanda venga accolta non occorre rinnovarla ogni anno in quanto l’iscrizione rimane valida finché non si perdono i requisiti o si chieda la cancellazione dall’Albo con motivazione. I presidenti dei seggi elettorali vengono nominati in occasione di ogni consultazione elettorale dal presidente della Corte d’Appello fra coloro che risultano iscritti nell’apposito albo.

Albo dei presidenti di seggio elettorale

Responsabile di procedimento: SPACCIANTE FRANCESCO
Responsabile di provvedimento: DELVINO FRANCESCO
Descrizione
Per poter svolgere la funzione di Presidente di seggio elettorale è necessario essere inseriti nell’apposito albo, depositato presso la Corte d’Appello di Napoli
Gli interessati dovranno presentare all’Ufficio Elettorale comunale apposita richiesta di iscrizione nell’Albo entro il mese di ottobre di ogni anno.
Qualora la domanda venga accolta non occorre rinnovarla ogni anno in quanto l’iscrizione rimane valida finché non si perdono i requisiti o si chieda la cancellazione dall’Albo con motivazione.
I Presidenti dei seggi elettorali vengono nominati in occasione di ogni consultazione elettorale dal Presidente della Corte d’Appello fra coloro che risultano iscritti nell’apposito albo.

REQUISITI
L’iscrizione nell’Albo dei Presidenti di seggio elettorale è subordinata al possesso dei seguenti requisiti, come previsto dall’art. 1 della legge n. 53 del 21.03.1990:
• Essere elettore del Comune;
• Essere in possesso del titolo di studio non inferiore al diploma di scuola media superiore.

Ai sensi dell’art.23 del Testo Unico delle leggi per la composizione e la elezione degli organi delle amministrazioni comunali e dell’art. 38 del Testo Unico delle leggi recanti norme per la elezione della Camera dei Deputati non possono esercitare le funzioni di Presidente di Ufficio Elettorale di Sezione, di scrutatore e di segretario le persone che appartengono alle seguenti categorie:
• coloro che, alla data delle elezioni, hanno superato il settantesimo anno di età;
• i dipendenti dei Ministeri dell’Interno, delle Poste e delle Telecomunicazioni e dei Trasporti;
• gli appartenenti alle forze armate in servizio;
• i medici provinciali, gli ufficiali sanitari e i medici condotti;
• i segretari comunali ed i dipendenti dei Comuni, addetti o comandati a prestare servizio presso gli Uffici elettorali comunali;
• i candidati alle elezioni per le quali si svolge la votazione.

http://www.comune.caserta.it

read more
ElezioniMaddaloni

Presidente di seggio elettorale, domande per l’inserimento nell’albo al Comune di Maddaloni entro il 31 ottobre 2014

de-lucia-rosa
loading...

de-lucia-rosa1MADDALONI – Il Comune di Maddaloni ha comunicato che deve essere aggiornato l’albo delle persone idonee a svolgere funzioni di presidente di seggio elettorale ai sensi della citata Legge n. 53-1990. Le persone interessate all’inclusione in detto albo devono far pervenire al Comune la relativa domanda, entro e non oltre il 31 OTTOBRE 2014,  contenente quanto segue: Le complete generalità, il luogo e data di nascita e la residenza; Il titolo di studio posseduto, che non può essere inferiore al diploma di istruzione secondaria di secondo grado. La professione, arte o mestiere. Non verranno prese in considerazione le domande delle persone prive dei requisiti o che rientrino nelle categorie di cui all’art.38 del D.P.R. 30.3.1957, n.361 ed art.23 del D.P.R. 16.5.1960 n.570.Lo schema di domanda è disponibile presso l’Ufficio Elettorale in Piazza della Pace n. 5 (Ex Biblioteca Comunale) e sul sito: www.comune.maddaloni.ce.it (Sez. Modulistica)

read more
ArienzoElezioni

Elezioni ad Arienzo, Carmine Crisci: ecco le opere di pubblica utilità urgenti da realizzare

no thumb
loading...
ARIENZO – “Il problema viario ad Arienzo, è certamente tra i più sentiti, pertanto, è tra i punti prioritari del nostro programma”. Lo afferma il candidato a sindaco Carmine Crisci, della  Lista Civica Arienzo 2014, che, oltre ad illustrare gli interventi necessari per il potenziamento e miglioramento viario, illustra le opere di pubblica utilità che rappresentano le urgenze della sua agenda: “ Nel  piano triennale che si andrà  ad approvare, relativo agli anni 2014/2016,  vanno previsti molteplici interventi e precisamente:

manutenzione straordinaria di alcune strade vicinali per migliorare la viabilità interna; rifacimento di tratti restanti della rete idrica urbana ed extraurbana;  ammodernamento della sede comunale “incubatore di impresa”; recupero dell’ edificio S. FILIPPO NERI,  da adibire a centro   culturale e sociale,  eliminazione delle barriere architettoniche  per gli anziani; completamento e manutenzione straordinaria degli edifici scolastici comunali; adeguamento della viabilità mediante il rifacimento di strade esistenti di servizio alle zone forestale; recupero e riqualificazione del centro storico-urbano; lavori di risanamento strade comunali,  manutenzione straordinaria delle strade comunali e dei marciapiedi del centro urbano;  realizzazione di nuovi parcheggi, copertura totale del territorio dell’illuminazione pubblica;  realizzazione di un parco giochi per bambini nelle frazioni,costruzione pensiline per fermate scuola bus dove mancanti; costruzione pensiline con tettuccio in legno, contenenti la mappa topografica del territorio in cui ci si trova con le indicazioni delle zone da raggiungere, nelle quali verranno affisse le comunicazioni del comune; razionalizzazione del traffico urbano; ricerca di un adeguato potenziamento dei collegamenti extra urbani”. Continua, come promesso durante la  presentazione ufficiale della lista Arienzo 2014, la campagna elettorale del dottore Crisci e della sua squadra, volta alla propaganda del proprio programma,  nel solco del rispetto per gli  altri candidati: un modello di civiltà e  un segno tangibile di rinnovamento, che dice basta al vecchio e  becero modello di fare politica, capace solo di creare fratture.
read more
0
Close