close

Elio De Lucia

CronacaElio De LuciaSanta Maria a Vico

M5S, assurdo quello che combinano i parlamentari a Roma sulla Terra dei fuochi. Ecco come fermarli, muovetevi

no thumb
loading...
SANTA MARIA A VICO – Ancora una volta cercano di far passare provvedimenti contro i cittadini della terra dei fuochi. Copia il testo della mail riportato qui sotto e invialo ai seguenti indirizzi email, si tratta dei senatori membri della Commissione Ambiente che dovranno votare gli emendamenti al decreto milleproroghe: giuseppefrancesco.marinello@senato.it; aldo.dibiagio@senato.it; paolo.arrigoni@senato.it; francesco.bruni@senato.it;massimo.caleo@senato.it; giuseppe.compagnone@senato.it; vincenzo.cuomo@senato.it; gianpiero.dallazuanna@senato.it;domenico.desiano@senato.it; pietro.iurlaro@senato.it; albert.laniece@senato.it; stefano.lucidi@senato.it; patrizia.manassero@senato.it;bruno.mancuso@senato.it; franco.mirabelli@senato.it; mario.morgoni@senato.it; vilma.moronese@senato.it; paola.nugnes@senato.it;renzo.piano@senato.it; giovanni.piccoli@senato.it; laura.puppato@senato.it; pasquale.sollo@senato.it; vittorio.zizza@senato.it;
VOTAZIONE EMENDAMENTI TRACCIABILITA’ RIFIUTI IN COMMISSIONE AMBIENTE AL SENATO 
Testo mail:
“Le lobby e i grandi interessi economici sono sempre al lavoro per orientare, veicolare e spesso imporre a deputati e senatori (a dispetto degli interessi dei cittadini che questi dovrebbero garantire) misure legislative a proprio unico vantaggio. Da oltre un anno e mezzo la terra dei fuochi e dei veleni è al centro dell’attenzione mediatica, questa comunità sta  denunciando il problema del traffico illecito dei rifiuti industriali e la necessità di mettere mano ad iniziative che potessero incidere efficacemente ed efficientemente sui meccanismi di sistema che hanno consentito tutto questo.

Parlamento, Governo e Istituzioni di questo paese, se da un lato sembrano ascoltare le denunce dei cittadini, si dimostrano non insensibili alle pressioni e richieste, sussurrate nelle segrete stanze,  condivise durante colazioni di lavoro in accoglienti location, da parte di referenti di grandi lobbie che continuano a pensare come fare affari in spregio alla salute e alla sopravvivenza dei cittadini. 
Sono anni che i comitati e cittadini, che ben conoscono le articolazioni e le falle del sistema di smaltimento dei rifiuti industriali, chiedono a gran voce l’assoluta necessità dell’entrata in vigore, OBBLIGATORIA PER TUTTE LE AZIENDE, DI UN SISTEMA DI TRACCIABILITA’ DEI RIFIUTI, certo, certificabile, non cartaceo e quindi non facilmente falsificabile come quello in vigore oggi. 
Eppure, a conferma che gl’ interessi dei forti non si toccano, assistiamo ad iniziative di nostri rappresentanti in senato che, non “coscienti” della situazione, presentano emendamenti al Decreto cosiddetto ‘milleproroghe’ in cui viene chiesto di prorogare ulteriormente l’entrata in vigore del sistema di tracciabilità dei rifiuti.
TUTTO CIO’ E’ ASSURDO !!!
I PARLAMENTARI CHE OGGI VOTANO EMENDAMENTI DI PROROGA AL SISTEMA DI TRACCIABILITA’ OGGI SI ASSUMONO DELLE RESPONSABILITA’ ENORMI !!!!
CHI OGGI SI PRENDE QUELLA REPOSNSABILITA’ SE LA PRENDE DI FRONTE AD UN POPOLO CHE NON E’ PIU’ DISPOSTO A TOLLERARE TALI FAVORITISMI ALLE LOBBIE E A DISCAPITO DEI CITTADINI!!!
CONOSCEREMO I NOMI DI CHI HA VOTATO A FAVORE DI QUEGLI EMENDAMENTI IN COMMISSIONE AMBIENTE AL SENATO.
DOVRANNO TUTTI RENDERE CONTO DI QUESTO !!!”
Il cittadino
Nome – Cognome
Elio De Lucia
* elio100262@gmail.com
read more
CronacaElio De LuciaSanta Maria a Vico

Movimento 5 Stelle: applicare la legge regionale sulla Terra dei fuochi, istituzione del registro dei roghi

no thumb
loading...
SANTA MARIA A VICO – Gli attivisti del meetup Santa Maria a Vico Cinque Stelle aderente al  Movimento Cinque Stelle di Beppe Grillo hanno protocollato il giorno lunedì 13 gennaio 2014 un documento in cui chiede l’applicazione della legge regionale sulla Terra dei fuochi in relazione alla istituzione del registro dei roghi, La legge regionale n 20 del 9 dicembre 2013 , recante  “Misure straordinarie per la prevenzione e la lotta al fenomeno dell’abbandono e dei roghi di rifiuti” prescrive all’art. 3 la costituzione del registro delle aree interessate da roghi di rifiuti. In particolare il suddetto articolo recita testualmente:
“1. Fermo restando quanto previsto dall’articolo 192 del decreto legislativo 152/2006 in materia di divieto di abbandono e di bonifica di siti contaminati e relative sanzioni previste negli articoli 255, 256 e 257 del medesimo decreto legislativo è istituito, presso ciascun comune della Regione Campania, il registro delle aree interessate da abbandono e rogo di rifiuti.

2. I comuni provvedono, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, ad individuare ed accertare, tramite apposito registro, le aree pubbliche e private interessate dall’abbandono e rogo di rifiuti nell’ultimo quinquennio, avvalendosi tra l’altro dei rilievi effettuati e messi a disposizione dagli organismi amministrativi e di controllo competenti anche a seguito di segnalazioni di singoli cittadini ed associazioni.”
Considerate le criticità emerse dopo mesi di sorveglianza sul territorio comunale fra i quali i roghi registrati in via Cupa del 2 sett. 2013; in via San Gaetano segnalati dal Comitato Fuochi e Tutela del territorio SMAV l’8 novembre 2013 con relativo intervento della Protezione Civile e dei Vigili Urbani segnalato alla Procura della Repubblica; le segnalazioni di presenza di rifiuti speciali e di conseguenti roghi nell’area retrostante al Cimitero di santa Maria a Vico; le segnalazioni varie di roghi sul territorio urbano; nonché degli innumerevoli roghi rilevati in questi anni sul territorio comunale, gli aderenti al meetup del M5S, Chiedono al responsabile del settore competente, a tutt’oggi, cosa ha fatto e cosa intende fare per istituire tale strumento per ottemperare agli obblighi di legge. Si chiede, in particolare, che tale registro possa essere facilmente consultabile da tutta la cittadinanza mettendo in rete il documento in parola affinché le stesse segnalazioni dei cittadini possano essere prontamente registrate ed evitare dispersioni di energie e contribuire così anche alla sorveglianza del territorio e al superamento delle barriere di omertà che ancora oggi impediscono il raggiungimento di standard di civiltà, tanto auspicati ma che sembrano ancora lontani nelle nostre aree. Si chiede che il Sindaco e all’assessore, ciascuno per le proprie competenze, cui la presente è inviata per conoscenza, nel persistere di una situazione di inerzia, vigilino affinché il responsabile competente ottemperi all’istituzione di tale registro, che possa essere consultato on-line e che sia continuamente aggiornato secondo le disposizioni di legge.
Gli attivisti iscritti al meetup di Santa Maria a Vico all’indirizzo web
www.meetup.com/santamariaavicocinquestelle
Elio De Lucia
read more
0
Close