Sanità – La Tribuna Online
l> Sanità – La Tribuna Online

Sanità

Sanità

Ospedale sotto sequestro, Question Time di Zinzi in Consiglio regionale: “Strutture allo sbando, ma De Luca continua a tagliare nastri”

ZinziQt

 

Questa mattina il consigliere regionale del gruppo Misto, Gianpiero Zinzi, nel corso della seduta di Question Time, ha interrogato la Giunta regionale sul ‘caso’ relativo al sequestro preventivo d’urgenza dell’Ospedale Civile San Rocco di Sessa Aurunca (CE).

L’interrogazione ha preso le mosse dalle risultanze delle indagini della Procura che hanno evidenziato la mancanza dell’Autorizzazione all’esercizio della struttura nosocomiale. Come conseguenza è stato disposto il sequestro preventivo d’urgenza dell’intero ospedale, con facoltà d’uso, per evitare l’interruzione delle prestazioni ed ulteriori disagi per gli utenti. La risposta degli uffici è stata letta dall’assessore Marchiello.

“Mentre siamo in Aula a discutere di un ospedale sequestrato – ha dichiarato Zinzi – e di altre strutture sanitarie senza autorizzazione, il Presidente De Luca taglia nastri lodando la gestione della Sanità campana. Evidentemente viviamo in due mondi paralleli. Solo questa circostanza può spiegare come l’Ufficio Speciale Servizio Ispettivo sanitario e socio-sanitario, che è stato istituito con una legge del dicembre 2015, abbia effettuato l’accesso ispettivo presso l’ospedale San Rocco solo dopo l’intervento della Procura. C’è qualcosa che non funziona, De Luca è l’unico a non essersene ancora accorto”.

 

 

read more
Sanità

Bambini autistici, Zunzi replica Graziano: “Hai sbagliato bando, confondi i centri privati con i pazienti”

gz

 

 

“Fa piacere che il presidente della Commissione regionale Sanità intervenga finalmente su una questione così importante come la garanzia della continuità terapeutica Aba per i bambini autistici, peccato che lo faccia in ritardo – dov’è stato in questi mesi? – ed a sproposito. Il bando a cui fa riferimento Graziano non ha come destinatari i piccoli pazienti, ma le strutture autorizzate alla somministrazione delle terapie con metodo A.B.A. Qui l’unico a confondersi è lui, ma confonde tra l’organizzazione del servizio per la scelta delle strutture ed i destinatari delle cure, i pazienti i cui interessi dovrebbero essere gli unici tutelati. La proroga delle terapie terminerà – come è noto – il 31 marzo. A conti fatti invece noi entro quella data, al massimo, avremo solo l’elenco dei soggetti privati partecipanti al bando le cui istanze dovranno poi essere valutate da una commissione. Nessun avviso pubblico, al momento, per i piccoli pazienti. Un ritardo evidente da parte dell’Asl Caserta che non è scusabile, neanche con l’arrampicata sugli specchi del collega Graziano. Tra l’altro la delibera pubblicata il 14 marzo, dedicata ancora e solo al Progetto 0-6 (ossia per 260 bambini che vanno prioritariamente da 0 a 6 anni), lascia senza risposta le altre domande presenti nella mia interrogazione: cosa è previsto per i 400 piccoli pazienti con trattamento in corso e per chi ha più di 6 anni? Ad oggi abbiamo in Campania una legge regionale sull’autismo impugnata dal governo Gentiloni e bocciata dalla Corte Costituzionale con sentenza 199/2018, mentre la Regione continua a prorogare a singhiozzo la terapia sperimentale riducendo di volta in volta i destinatari ed il campo applicazione. Il problema non è affatto superato, checché ne dica Graziano. Curioso poi che la risposta ad un’interrogazione scritta arrivi – peraltro a mezzo stampa – da un consigliere e non dalla Giunta. Due sono le cose: o il regolamento del Consiglio è stato riscritto completamente, oppure il collega è stato nominato Assessore e non lo sapevamo”. Così il consigliere regionale della Campania, Gianpiero Zinzi che replica alle dichiarazioni del collega Graziano

read more
Sanità

Bambini autistici, interrogazione di Zinzi: “A 15 giorni dalla scadenza della proroga non c’è traccia di nuovi bandi, De Luca dia risposte ai piccoli pazienti”

gz

 

Il consigliere regionale Gianpiero Zinzi ha presentato un’interrogazione indirizzata al Presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca, avente ad oggetto “Garanzia di continuità delle terapie per i bambini affetti da disturbo dello spettro autistico in provincia di Caserta”.

E’ la terza volta in 4 mesi che il consigliere Zinzi, condividendo le preoccupazioni dei genitori dei bambini autistici, sollecita spiegazioni alla Giunta sulla programmazione terapeutica con metodo A.B.A. (Analisi Comportamentale Applicata). Dopo il primo segnale positivo consistente nella proroga dell’Asl Caserta al piano di somministrazione delle terapie sperimentali fino al 31 marzo 2019, nulla più si è mosso.

“Anche questo termine sta per scadere senza che finora sia stata fornita una risposta esauriente per poter finalmente dare garanzie a centinaia di bambini e per fare in modo che nessuno di loro resti indietro. Questa prolungata incertezza danneggia i piccoli pazienti e le loro famiglie, c’è bisogno di una presa di posizione netta.  La Campania non può permettere che ai bambini autistici sia negata la continuità delle terapie A.B.A”.

Nel testo il consigliere Zinzi interroga De Luca “per conoscere la data di emanazione dei nuovi bandi – chiedendo che siano previsti con scadenza pluriennale, al fine di scongiurare qualsiasi lesione del principio della continuità terapeutica – ovvero la data di emanazione di un’eventuale, ulteriore, proroga, nonché il contenuto della stessa, corredata dai limiti temporali ivi dettati”

 

read more
Sanità

Incarichi di coordinamento, interrogazione di Zinzi: “Provvedimenti discutibili all’ospedale di Caserta, De Luca faccia chiarezza”

G. Zinzi
Il consigliere regionale Gianpiero Zinzi ha presentato un’interrogazione indirizzata al Presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca, avente ad oggetto “Revoca degli incarichi di coordinamento all’interno da parte della Direzione Generale dell’AORN di Caserta”.
L’interrogazione muove dalle delibere con le quali il Direttore dell’UOC Gestione Risorse Umane dell’AORN “Sant’Anna e San Sebastiano” revocava gli incarichi di coordinamento precedentemente conferiti e avviava le procedure per una nuova selezione interna.
“Si tratta di provvedimenti che hanno trovato la ferma opposizione dei sindacati per le modalità con le quali sono stati concepiti ed emanati, considerando anche le conseguenze economiche onerose per l’azienda. Senza contare che l’obiettivo dovrebbe essere valorizzare le professionalità e non danneggiarle. De Luca approfondisca e faccia chiarezza”.
Nel testo il consigliere Zinzi interroga il Presidente della Giunta regionale “per sapere se non valuti assolutamente inopportuna l’azione messa in atto dall’attuale DG dell’AORN di Caserta, giacché oltretutto espone l’Azienda Sanitaria al rischio di una condanna da parte della Giustizia Amministrativa Regionale, e non ritenga, quindi, di dover utilmente intervenire ai fini di un approfondimento del caso”.
read more
Sanità

Vaccini: D’Anna (ONB) “Obbligo cancella diritto all’istruzione”

20190103_143258

 

‘Non c’e’ nessuna epidemia, finanzieremo ricerca pubblica su sicurezza’  (AdnKronos Salute) – L’obbligo delle vaccinazioni per l’iscrizione a scuola “cancella il diritto all’istruzione” e poi “non ci sono epidemie in corso in Italia e questo lo dicono eminenti epidemiologi che non hanno niente a che fare con le case farmaceutiche”. Così all’Adnkronos Salute Vincenzo D’Anna, presidente dell’Ordine nazionale dei biologi (Onb). Su quanto affermato oggi dal ministro della Salute Giulia Grillo in un’intervista, ovvero “di essere contraria per principio all’obbligo ma sul morbillo deve rimanere”, D’Anna replica che “in Italia ogni anno ci sono migliaia di decessi per le infezioni ospedaliere e solo 2-3 morti per morbillo, mi chiedo se non sia eccessivo far vaccinare una intera popolazione”. “Come Ordine dei biologi, per dimostrare che siamo a favore dei vaccini, vogliamo mettere a disposizione una somma per le università e i laboratori pubblici per ripetere gli esami sui vaccini – annuncia D’Anna – vogliamo verificare cosa c’è dentro il prodotto finito che viene somministrato ai cittadini”. Secondo il presidente dei biologi “le istituzioni preposte non hanno mostrato le analisi di farmacovigilanza e i dati sugli eventi avversi legati alle vaccinazioni. Quello che emerge è che quando si parla di immunizzazione si passa dal mondo della scienza ai dogmi della fede – avverte D’Anna – Ovvero, nessuno mostra le prove della sicurezza ma i vaccini sono sicuri a prescindere. E così non va bene perché questa forma di fideismo cancella il diritto allo studio”. (Red/AdnKronos)

 

read more
Sanità

Sospetti casi di tubercolosi in provincia di Caserta, Zinzi lancia l’allarme ed interroga De Luca: “Sulla salute attenzione massima”.

gz

 

Il consigliere regionale Gianpiero Zinzi ha presentato un’interrogazione indirizzata al Presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca, avente ad oggetto “Sospetti casi di tubercolosi in provincia di Caserta”.
L’interrogazione muove dalla notizia secondo la quale sarebbero stati registrati ricoveri di persone con sintomi simili a quelli della tubercolosi presso il reparto di malattie infettive all’Ospedale S. Anna e S. Sebastiano di Caserta.
“Era il mese di luglio quando ho lanciato per la prima volta l’allarme, invitando la Giunta regionale a fare i dovuti approfondimenti. Adesso siamo in presenza di altri casi. La tubercolosi è una malattia seria, i cittadini hanno il diritto di essere informati su quanto accade e di sentirsi protetti sapendo che chi di dovere ha posto in essere in tempo le dovute precauzioni. Sulla salute ci aspettiamo un’attenzione massima”.

Nel testo il consigliere interroga la Giunta regionale per sapere “se siano stati fatti i necessari approfondimenti in relazione a quanto narrato e quali misure siano state in conseguenza adottate; se siano stati rintracciati gli eventuali contatti; se il Reparto di malattie infettive dell’A.O.R.N. di Caserta sia dotato di stanze a pressione negativa per evitare ogni forma di contagio, oltre che sufficientemente attrezzato a fornire adeguata assistenza ai malati di Tubercolosi e, in conclusione, se non sia opportuno e urgente l’invio di una Circolare ai medici di famiglia al fine di evitare una recrudescenza della malattia”.

read more
Sanità

Sanità, Zinzi interroga su personale somministrato:” De Luca riconosca professionalità e dignità ai lavoratori dell’ospedale di Caserta”.

gz

 

Il consigliere regionale Gianpiero Zinzi ha presentato un’interrogazione indirizzata al Presidente della Giunta regionale, Vincenzo De Luca, avente ad oggetto “Procedure finalizzate al superamento del precariato presso l’AORN ‘S.Anna e S.Sebastiano’ di Caserta”.

Il consigliere accende di nuovo i riflettori sul destino dei 242 lavoratori presso l’ospedale di Caserta, sotto contratto con Agenzie interinali.

“Rappresentano quasi un quarto di tutto il personale in servizio, alcuni di loro lavorano ininterrottamente anche da quindici anni garantendo con professionalità e continuità il mantenimento dei Lea. Non tenere conto della loro esperienza significherebbe infliggere un duro colpo al livello dei servizi forniti dall’Azienda Ospedaliera”.

Nel testo il consigliere Zinzi interroga il Presidente della Giunta regionale “per chiedere di considerare il personale somministrato con 10-15 anni di servizio quale vero precariato, in relazione alle competenze acquisite ed alle esperienze maturate all’interno di ciascuna Azienda Sanitaria e, laddove non vi siano altre forme di precariato, se non sia il caso di includere tali lavoratori nelle procedure di stabilizzazione, in applicazione  di quanto disposto dal D.Lgs n. 165/01, richiamando espressamente il DG dell’Azienda Ospedaliera di Caserta ad una pedissequa applicazione della norma, onde garantire una sufficiente e dedicata riserva per tutte le categorie di lavoratori atipici da avviare a procedure concorsuali”.

 

 

read more
SanitàScuola

Campus Salute Indoor torna al Tecnico Buonarroti di Caserta

IMG-20190224-WA0019

 

read more
Sanità

Forum sull’assistenza integrata al paziente oncologico, venerdì 1 marzo alla Reggia di Caserta

PROGRAMMA CONGRESSO RETE ONCOLOGICA IN TERRA DI LAVORO

 

Due tavolo rotonde per favorire lo sviluppo di altrettanti focus su determinati temi molto importanti per sviluppare e far crescere nel tempo “La Rete Oncologica in Terra di Lavoro, ruolo della Sanità Privata Accreditata”, il titolo scelto per il congresso medico-scientifico promosso dalla Casa di Cura “Villa Fiorita” di Capua, in programma venerdì prossimo 1 marzo, a partire dalle ore 8,30, all’interno del complesso monumentale della Reggia Vanvitelliana, nell’Aula Magna della Scuola Nazionale di Amministrazione – Emiciclo Est.

La lettura magistrale del Prof. Francesco Corcione sul tema de “La Rete Oncologica: dalla parte del paziente”, aprirà i lavori introdotti da Crescenzo Maria Muto, responsabile di Chirurgia Oncologica, Laparoscopica e Breast Unit di Clinica Villa Fiorita di Capua.
Sarà proprio Corcione a presiedere la tavola rotonda su “Assistenza Integrata al Paziente Oncologico: quali ruoli”, moderata da Muto, P. Maida e S. Grimaldi, ed animata da U. Bardi, F. Iovino, G. Iarrobino e A. Sarno, che vedrà i contributi di Mario De Blasio sull’ASL Caserta, di Mario Ferrante sulla AORN Sant’Anna e San Sebastiano, di Sergio Crispino sulla Sanità accreditata, di Paolo Del Rio sull’Istituto Tumori, di Giovanni Conzo sull’Università, di Carlo Molino sul Centro Pancreas, di Lupo G. Pulcino sul Medico di medicina generale, di Assunta Amelio sulle associazioni.

La seconda sessione sarà propriamente scientifica e verterà sul Modello Organizzativo per la Assistenza Oncologica di una Struttura Sanitaria Accreditata, sotto la presidenza di Piero Narilli, con la moderazione di R. Grassi, R. Rea, G. Conzo e C. Molino e l’animazione della discussione affidata a G. Barletta, M. Perrotta, M. Buonanno e G. Barone.
Vi parteciperanno quali relatori Muto sulla Organizzazione interna, Frank Sam Cammuso sulla Clinica Medica,
Daniela Berritto sulla diagnostica per immagini, Roberto Iorio sulla Endoscopia Digestiva, Pasquale Angrisani sulla Anatomia Patologica, Gennaro Musetta sulla Radioterapia Gennaro Musetta, Gianfranco Ferriero sulla Biochimica di Laboratorio,
Marilena Mone sulla PsicoOncologia, Teresa Guardascione sulla Nutrizione Oncologica, Luigi Ievoli e Gianfranco Ciaglia su Assistenza Hospice e ADI, Bruno Marra sui Modelli Organizzativi extra regionali.

“Il ruolo della sanità privata accreditata è di vitale importanza se coordinato con le strutture pubbliche, e Villa Fiorita di Capua sta investendo da tempo su questo tema che riteniamo fondamentale per offrire la migliore offerta sanitaria in ambito oncologico nella nostra provincia di Caserta”, dichiara Raffaella Sibillo, presidente CdA della Casa di cura.

“La Regione Campania intende creare una rete oncologica per offrire ai pazienti soluzioni di facile e sollecito accesso. Molto è demandato alle strutture sanitarie pubbliche, ma esistono, sul territorio, strutture della ospedalità privata accreditata che, con la loro eccellenza, hanno una reale presenza ed una reale insostituibilità nell’ambito del sistema sanitario nazionale e regionale”, spiega Crescenzo Maria Muto, promotore scientifico del congresso.

 

read more
Sanità

Il ruolo della sanità privata accreditata nella rete oncologica in Terra di Lavoro

PROGRAMMA CONGRESSO RETE ONCOLOGICA IN TERRA DI LAVORO

 

La lectio magistralis del Prof. Francesco Corcione sul tema de “La Rete Oncologica: dalla parte del paziente”, aprirà venerdì 1 marzo a Caserta il congresso medico-scientifico dal titolo “La Rete Oncologica in Terra di Lavoro, ruolo della Sanità Privata Accreditata”, in programma a partire dalle ore 8,30 all’interno del complesso monumentale della Reggia Vanvitelliana, nell’Aula Magna della Scuola Nazionale di Amministrazione – Emiciclo Est.

Patrocinato da Regione Campania, Provincia di Caserta, Comuni di Caserta e Capua, AIOP, ASL CE, AORN S. Anna e S. Sebastiano di Caserta, OMCEO Caserta, ACOI, SICOP e Società Chirurgica di Terra di Lavoro, l’incontro dall’alto valore formativo, ed accreditato ECM, è stato promosso dalla Casa di Cura “Villa Fiorita” di Capua e coordinato dal noto chirurgo oncologo Crescenzo M. Muto, coadiuvato dal comitato scientifico composto dai medici L. D’Amico, A. Mastroianni, A. Palmese, R. Raucci e V. Aversano.

Aperti dalla presentazione della presidente del CdA di Villa Fiorita Capua, Raffaella Sibillo, e dai saluti delle autorità istituzionali presenti, tra quali De Luca, Magliocca, Marino, De Biasio, Ferrante, Crispino, Bottiglieri, Bottino, Narilli, Barletta, i lavori saranno introdotti da Crescenzo Maria Muto, responsabile di Chirurgia Oncologica, Laparoscopica e Breast Unit di Clinica Villa Fiorita di Capua.
Al termine della lettura magistrale, Corcione presiederà la tavola rotonda su “Assistenza Integrata al Paziente Oncologico: quali ruoli”, cui parteciperanno, fra gli altri, i vertici dell’ASL Caserta, dell’AORN San Sebastiano e Sant’Anna, della Siop, dell’Istituto Tumori “Pascale” di Napoli, dell’Università di Napoli “Federico II”.

La seconda sessione sarà propriamente scientifica e verterà sul Modello Organizzativo per la Assistenza Oncologica di una Struttura Sanitaria Accreditata, con le relazioni tenute dagli specialisti medici di Villa Fiorita di Capua.

“Questo convegno vuole evidenziare l’importanza della rete oncologica territoriale e il ruolo che la sanità privata accreditata può significativamente occupare, in stretta collaborazione con le strutture pubbliche. Questo sta facendo e questo si propone di potenziare Villa Fiorita di Capua”, spiega Raffaella Sibillo, presidente CdA della Casa di cura.

“Sono davvero felice ed onorato di aver organizzato questo incontro scientifico per celebrare il mio inizio dell’impegno professionale nella Clinica Villa Fiorita di Capua, il cui management, con grande lungimiranza, ha deciso di investire in professionalità e tecnologie.
La organizzazione sanitaria sul territorio prevede che ci siano strutture che eroghino assistenza efficiente ed efficace per la prevenzione, la diagnosi, la terapia e la riabilitazione dei pazienti affetti da patologie oncologiche. A tal scopo le deliberazioni regionali sono volte a creare una rete oncologica per offrire ai pazienti soluzioni di facile e sollecito accesso. Molto è demandato alle strutture sanitarie pubbliche, ma esistono, sul territorio, strutture della ospedalità privata accreditata che, con la loro eccellenza, hanno una reale presenza ed una reale insostituibilità nell’ambito del sistema sanitario nazionale e regionale”, dichiara Crescenzo Maria Muto, promotore scientifico del congresso.

 

 

 

 

read more
1 2 3 5
Page 1 of 5