close

Senza categoria

Senza categoria

Compagnia dell’anello- La ballata del nero

p
loading...

E, signor giudice, tu hai la toga, ma non ti sembra una brutta roba?

Una brutta roba di incastrare chi ha solo il torto di pensare

E tu ti ammanti di democrazia e vai cianciando di libertà

E tu ti ammanti di democrazia e vai cianciando di libertà

Libertà, libertà in quanto che comandate voi

Democrazia, democrazia è cosa vostra, non è mia!

 

E pure tu, signor commissario, che ti fanno fare per un magro salario?

Ti fanno tradire, ti fanno tradire gli ideali che hai giurato di servire

E tu ti ammanti di democrazia e vai cianciando di libertà

E tu ti ammanti di democrazia e vai cianciando di libertà

Libertà, libertà in quanto che comandate voi

Democrazia, democrazia è cosa vostra, non è mia!

 

Signor brigadiere, io mi sono difeso, erano in quattro e mi hanno offeso

Signor brigadiere, io mi sono difeso, erano in quattro e mi hanno offeso

Signor brigadiere, io mi sono difeso: ero da solo, ma uno l’ho steso!

 

E tu ti ammanti di democrazia e vai cianciando di libertà

E tu ti ammanti di democrazia e vai cianciando di libertà

Libertà, libertà in quanto che comandate voi

Democrazia, democrazia è cosa vostra, non è mia!

 

Signor ministro, signor deputato, di essere vostro nemico io sono onorato

Sono onorato perché alla mattina mi devo specchiare, mi devo sbarbare

Mi devo specchiare, mi devo sbarbare, la faccia mia devo guardare

Io di facce ne ho una sola, non sarà bella, ma è sempre quella

Voi di facce ne avete tante, una per ogni ora del giorno!

E vi ammantate di democrazia e poi cianciate di libertà

E vi ammantate di democrazia e poi cianciate di libertà

Libertà, libertà in quanto che comandate voi

Democrazia, democrazia è cosa vostra, non è mia!

 

Ma questa storia deve finire, la gioventù si ribellerà,

Ma questa storia deve finire, la gioventù si ribellerà,

La resa, la resa, la resa dei conti, la resa dei conti, la resa verrà,

Ma questa storia deve finire, la gioventù si ribellerà

La resa, la resa, la resa dei conti, la resa dei conti verrà!

read more
Senza categoria

Cerchiamo persone che vogliono collaborare con la nostra testata. Condividi se puoi

82422_trovarelavoro
loading...

Siamo alla ricerca di persone che vogliano collaborare con la nostra testata perché siamo in procinto di ampliarci.

Cerchiamo figure professionali che:

  • conoscano bene l’italiano ( o anche una seconda lingua)
  • abbiano almeno 4 ore a disposizione al giorno
  • abbiano forza di volontà e costanza
  • vogliano guadagnare o a casa o sul territorio

Invia una mail a :

latribunaonline@libero.it

read more
EconomiaPoliticaSenza categoria

SUCCESSO PER LA IV EDIZIONE DELLA SERATA DI BENEFICENZA DELL’ASSOCIAZIONE CALCAGNO

cropped-14542914_346104142396570_37522344_n.jpg
loading...

Domenica 2 luglio si è svolta la quarta edizione dell’iniziativa di beneficenza a favore dell’Associazione Antonio Calcagno Onlus. Continua ormai l’appuntamento tanto atteso con la solidarietà che i volontari promuovono con la passione e l’abnegazione che li hanno sempre contraddistinti. Uno spettacolo coinvolgente organizzato presso una delle Ville più belle delle terre santamariane, “VILLA MARY”.

Per il secondo anno, infatti, il proprietario Alfonso Balletta con grande senso di solidarietà ha aperto le porte della sua casa per ospitare i volontari e gli amici dell’Associazione Antonio Calcagno Onlus.

Cibo, buona musica, ambiente disteso e sereno, tutto quello che forse i ragazzi desideravano regalarci, una serata all’insegna dell’amicizia e della tranquillità.

Ad aprire le porte, un percorso fotografico, che ci ha fatto rivivere i quattro anni dell’Associazione, anni di fatiche, di sofferenza, traguardi raggiunti e di sorrisi, tanti sorrisi.

Durante la serata i volontari hanno presentato gli ultimi progetti che li vedono coinvolti, tra questi, la realizzazione di uno spazio all’interno dell’Unità Operativa di Oncologia del Presidio Ospedaliero di Maddaloni-San Felice a Cancello. Spazio utile ad offrire un servizio complementare a quello standard, che aiuti, nel migliore dei modi, ad alleviare l’attesa di chi si ritrova coinvolto in questa battaglia per la vita. Il progetto è intitolato “HOPE”, Speranza, il corpo speciale a cui hanno deciso di arruolarsi i nostri giovani volontari. I gesti di solidarietà e di generosità compiuti dall’associazione aiutano i volontari a dare concretezza al loro motto “Aiutaci ad Aiutare”. I volontari, inoltre stanno lavorando ad un altro progetto ambizioso, la partecipazione al servizio civile nazionale in partenariato con Amesci. Si vuole, in questo modo, dare la possibilità, per un anno, ad alcuni giovani di conoscere l’Associazione Antonio Calcagno Onlus, viverla in pieno collaborando, quotidianamente ed operativamente, alle attività associative ed, eventualmente, suggerire proposte per migliorare la qualità dei servizi offerti. Un’opportunità di formazione importante e di arricchimento della propria esistenza.

La serata di beneficenza, infine, è stata la prima ed importante occasione per ufficializzare una decisione presa dal direttivo degli associati e cioè la nomina dell’amico Ortensio Letizia, responsabile del reparto Oncologia del Presidio Ospedaliero di Maddaloni-San Felice a Cancello, a responsabile scientifico dell’Associazione Antonio Calcagno Onlus.

Al di là delle attività e dei risultati conseguiti, pur encomiabili, ciò che non può sfuggire è l’approccio dei volontari. Pur lavorando a stretto contatto con una sofferenza indescrivibile, non hanno mai perso l’entusiasmo, la determinazione, la passione, il sorriso degli esordi. Elementi che hanno reso l’Associazione un contenitore pieno di amore e di idee da mettere al servizio degli ammalti oncologici e delle loro famiglie.

Raffaele Vigliotti, presidente dell’Associazione Antonio Calcagno Onlus: “Per tutti noi, ogni nuovo malato è e deve rappresentare un dolore ed, al contempo, una nuova forza da cercare e trovare, da mettere al servizio dell’ammalato e della sua famiglia. Nel nostro piccolo, stiamo cercando di fare e dare il massimo e lo stiamo facendo per noi stessi, per questa nostra amata Terra, troppo spesso maltrattata, ma anche per tutti coloro che non hanno vinto la loro battaglia contro il cancro, perché le loro sofferenze non siano state vane. Per una vita oltre la paura”.

read more
Senza categoria

ইতালি সুখী দেশ যেখানে কাজ করা অসম্ভব

manarola-liguria1
loading...
স্থান বীট বপন এর nstead, যে ইতালি পর্যটন হিসাবে দেখার জন্য সবচেয়ে ভাল জায়গা করে তোলে, একটি ভাল জায়গা যেখানে কাজ খুঁজে পেতে হয় না।

অনেক সমস্যা এই ধরনের কার্যকলাপ বন্ধ

প্রথমত, বিদেশীদের জন্য চুক্তি সীমাবদ্ধ, এবং খুব বেশি লোক প্রবেশ করতে চাইছেন দ্বিতীয় জিনিস, দেশের অর্থনীতি গভীর crysis হয়।
crisi-Pil-Italiacrisi-pil-italia

আরেকটি সমস্যা হল এখানে বিদেশী ব্যক্তিদের খুব খারাপ আচরণ, জেলে সবচেয়ে বেশি জনসংখ্যা অপরিচিত ব্যক্তিদের হয়।

প্রকৃত অবস্থা হিসাবে আমরা এই দেশে চাকরি খোঁজার পরামর্শ দিই না। গভর্নমেন্ট কোন প্রতিকূল কর্মের সঙ্গে পরিস্থিতি উন্নত করার চেষ্টা করুন, এবং এই দেশে তারা অনেক গ্রহণ immigrations গ্রহণ না।

এখানে মানুষ, বিশেষ করে অভিবাসী, তারা আপনার কাছ থেকে অর্থ লাভের কারণে বাস্তব পরিস্থিতি লুকায়। জনগণের কাছে অর্থ পাঠান না যে তারা আপনাকে বলেছে যে, এটি কেবল একটি জঘন্য প্রতিশ্রুতি।
জেল
read more
Senza categoria

Favorevole o meno allo Ius Soli?

20160915_194851_62E37FC0.jpg_997313609
loading...

Ius soli si o Ius soli no?

 

Il recente outing di Renzi verso la volontà di costringere gli Italiani a subire questa conversione etnica a vantaggio degli immigrati, ci ha dato modo di creare un nuovo quesito. Speriamo che la popolazione vi partecipi massivamente in modo da poter delineare e dimostrare la reale volontà del popolo italiano.

 

Favorevoli o contrari allo Ius Soli?
read more
Senza categoria

SARRO: QUELLA DELLE PROVINCE RIFORMA FINTA

logo_pdllega
loading...

“Quella delle Province è una delle tante finte riforme annunciate con enfasi e con lo spirito propagandistico dai Governi di centrosinistra, il paradigma di questa stagione e l’esempio di come non fare le riforme in questo Paese e soprattutto di come, attraverso queste finte riforme, accrescere ed aggravare i problemi, che sono stati indicati come obiettivo da superare e da rimuovere attraverso interventi legislativi”.
Ha esordito così l’On. Carlo Sarro questo pomeriggio nell’aula della Camera dei Deputati in occasione della dichiarazione di voto di Forza Italia sulla mozione Brunetta ed altri e sulle ulteriori mozioni presentate dai vari partiti e concernenti iniziative volte a garantire il funzionamento delle province.
“È una funzione delicatissima quella che quest’ente intermedio svolge nel nostro assetto istituzionale: la competenza su materie di primaria importanza, la manutenzione della rete stradale provinciale o degli istituti di istruzione secondaria di secondo grado, ma anche tanti altri servizi importanti, in materia ambientale, in materia di assetto idrogeologico, in materia di sicurezza dei cittadini. Pensiamo, per esempio, al servizio neve che le province devono assicurare, soprattutto nelle aree montane e nelle aree più isolate del nostro territorio nazionale.
Noi abbiamo assistito negli ultimi tre anni ad un incremento progressivo di tagli, addirittura ad un prelievo diretto dello Stato sulle risorse proprie della provincia, attraverso le entrate dei tributi di competenza provinciale e, quindi, sostanzialmente, all’esaurimento delle disponibilità finanziarie, che ha provocato situazioni davvero paradossali.
Abbiamo province di cui io porto la testimonianza diretta, che è stata anche qui in Parlamento ricordata, nel corso di una iniziativa pubblica del nostro gruppo parlamentare, la provincia di Caserta, che ha dovuto addirittura chiudere la sede dei propri uffici, la sede istituzionale, perché non era più in grado di garantire neanche la pulizia ordinaria dei locali degli ambienti, per cui la ASL competente per territorio aveva diffidato a non usare più questi locali, ormai privi dei requisiti minimi di agibilità dal punto di vista igienico-sanitario”, ha continuato il deputato azzurro nel corso del suo intervento.
Penso che questo, come molti altri esempi, ci inducano a ritenere la necessità di una revisione profonda della legge Delrioche, dopo la bocciatura al referendum del 4 dicembre, ha visto la sostanziale conservazione della natura giuridica, delle caratteristiche e delle prerogative costituzionali da parte delle Province per cui ci si è trovati nella paradossale e davvero insostenibile situazione che le stesse, pur mantenendo inalterate le loro funzioni e competenze, hanno poi visto totalmente svuotare le loro disponibilità finanziarie fino ad essere ridotte in una condizione di sostanziale impotenza.
Piuttosto che correre ai ripari, si è ulteriormente proceduto sul piano dei tagli. Solo rispetto a delle emergenze, davvero ormai non più giustificabili in alcun modo, si è cercato di intervenire – anche in maniera piuttosto disorganica e in maniera piuttosto episodica -, proprio per rimediare e per porre rimedio a delle situazioni specifiche e a dei casi particolari, ma senza, ancora una volta, una visione organica, una visione complessiva, come la serietà del problema avrebbe richiesto, anzi, avrebbe decisamente imposto.
Noi di Forza Italia ci auguriamo che, accanto ad una risposta di tipo squisitamente economico, ci sia anche una risposta di sistema, in termini istituzionali, proprio per la delicatezza delle questioni, che sono state sollevate e che quotidianamente interessano vaste comunità del nostro territorio.
Pur essendo d’accordo sugli impegni che il Governo deve assumere in favore delle Province, non possiamo accettare, invece, il parere contrario dell’esecutivo alla richiesta di ritorno al sistema di elezione diretta degli organi di governo della provincia, perché noi crediamo che la legittimazione del voto popolare rappresenti un’ineludibile e una non più sostenibile soluzione di elezione indiretta che ha dato conto in questa breve esperienza di applicazione della legge Delrio di tutti i suoi limiti e di tutte le sue conseguenze negative”, ha concluso Sarro.

read more
Senza categoria

Antimafia, D’Anna (Ala): “Pd insegue logica giacobina del M5S”

1479493419-lapresse-20161118171326-21352949
loading...

“Nonostante autorevoli pareri di magistrati, costituzionalisti e politici anche di sinistra, sulla inutilità di modificare alcune norme Antimafia, il PD insiste e al Senato rincorre la logica giacobina del M5S”. Lo scrive, su Facebook, il senatore del gruppo ALA-SC, Vincenzo D’Anna, che poi prosegue: “il trio meraviglia dell’antimafia militante ed inconcludente Casson-Lumia-Capacchione, ha confezionato un ulteriore castigo per coloro che commettono reati contro la pubblica amministrazione: la confisca dei beni!!”. Insomma, aggiunge D’Anna “se un sindaco usa impropriamente l’auto di servizio oppure commette un reato qualsiasi, può essere soggetto alla confisca dei beni. Aggiungete che la prescrizione, per qualunque tipo di reato contro la pubblica amministrazione, arriva fino a 30 anni, vorrà dire che i prossimi amministratori li cercheranno col lanternino tra i truffatori ed i ladri che rischiano pur di rubare ed intrallazzare. Il resto resterà a casa”.

read more
Senza categoria

Italy the beatiful country where is impossible to work

manarola-liguria1
loading...

Instead of the beaty of the place, that makes Italy the best place to visit as a tourist, is not a good place where to find job.

Many problems stop this kind of activity.

First, the contract for foreign people is limited, and too much people are asking to enter. Second thing, the economy of the country is in deep crysis.

crisi-pil-italia

One more problem is the very bad behave of foreign people in here, the biggest population in jail is of stranger people.

We advice not to search job in this country, as the actual situation. The governament try to improve the situation with no resonable actions, and not a lot of the people in this country they accept immigrations.

The people here, especially immigrants, they hide the real situation due to gain money from you. Do not send money to people that they said to you like that, is just a fake promise.

jail

read more
Senza categoria

A Caserta la disabilità è a ore

img_resizer.php
loading...

Abbiamo atteso circa un mese per far rendere conto al sindaco di Caserta dell’assurdità della cosa, ma a causa della sua negligenza siamo costretti a scrivere su quello che è un assurdo, a Caserta.

Il 16 maggio, trionfalmente, Marino, ha dichiarato ““è consentita la sosta dei veicoli a servizio delle persone diversamente abili, muniti di regolare contrassegno automobilistico, su tutte le aree a parcheggio a pagamento, strisce blu, individuate sul territorio comunale, per un tempo massimo di 2 ore”

E’ uno scherzo?

A parte alcune pseudo-testate che festeggiano questo avvenimento, odiosi venduti al sistema, questo è scandaloso. A Caserta mancano le strisce bianche, e quelle blu hanno un costo osceno, nonché vi è il pienone di parcheggiatori abusivi, spesso violenti.

Ma la cosa che fa più rabbia è che, per questo paladino dei poveri, i disabili, lo sono per sole due ore, dopodiché devono pagare.

Ora immaginate un pover’uomo che già ha un problema, deve mettere l’orologio per due ore, poi semmai tornare a mettere il grattino alla macchina?

Signor Sindaco, si ravveda al più presto e riveda la sua posizione.

read more
Senza categoria

CARLO GRILLO ED I CANDIDATI DELLA LISTA “SIAMO PIEDIMONTE” STASERA A SEPICCIANO.

GRILLO CARLO 3
loading...

Tappa a Sepicciano stasera per il candidato sindaco Carlo Grillo e la lista n.3 “SiAmo Piedimonte” che incontreranno, a partire dalle ore 20,30, i residenti e gli operatori economici della frazione piedimontese nella centrale piazza Alcide De Gasperi.

Grillo ed i candidati al Consiglio comunale illustreranno i principali punti programmatici e gli obiettivi che la compagine intende raggiungere nei prossimi cinque anni per migliore le condizioni di Sepicciano e favorire il rilancio del tessuto socio-economico locale, attraverso anche il coinvolgimento delle associazioni e dei sodalizi che operano nella frazione.

Intanto, nella serata di domenica, la lista n.3 “SiAmo Piedimonte” ha tenuto un incontro nella piazzetta del rione Santa Rita, all’interno delle cooperative di via Aldo Moro, dove i diversi interventi dei candidati che si sono succeduti, hanno toccato i problemi che attanagliano la zona di periferia ed il comparto dell’edilizia residenziale pubblica che da anni sconta una situazione di degrado e di assenza di servizi che il candidato sindaco Grillo ha assicurato che non perdurerà ulteriormente attesa “la volontà della nostra lista di favorire lo sviluppo di questa zona grazie alla redazione del Piano Urbanistico Comunale che dovrà partire proprio dalle periferie, prevedendo il miglioramento delle condizioni di vivibilità e fruibilità delle aree più degradate della città”.

 

 

read more
1 2 3 51
Page 1 of 51
0
Close