Contro la realizzazione di un Ecocentro in zona Parco Mamma Anna parte una petizione. Sono centinaia le firme raccolte e domenica 16 dicembre si potrà firmare   in Piazza Roma. – La Tribuna Online
l> Contro la realizzazione di un Ecocentro in zona Parco Mamma Anna parte una petizione. Sono centinaia le firme raccolte e domenica 16 dicembre si potrà firmare   in Piazza Roma. – La Tribuna Online
Santa Maria a Vico

Contro la realizzazione di un Ecocentro in zona Parco Mamma Anna parte una petizione. Sono centinaia le firme raccolte e domenica 16 dicembre si potrà firmare   in Piazza Roma.

Antonio Iaia

 

Le firme sono già centinaia e i moduli  per la raccolta delle sottoscrizioni si stanno moltiplicando, uno dei promotori dell’iniziativa è il commissario cittadino della Lega Salvini, Antonio Iaia, che chiarisce. “ Non siamo contro l’Eco centro ma la scelta del luogo non  ci trova d’accordo, i cittadini criticano, in particolare, la costruzione dell’isola nell’immediata prossimità di abitazioni e locali commerciali, con probabili  conseguenze di  pericolo per la salute.  Mi sono messo al fianco dei residenti, soprattutto quelli di via Nazionale, perché, anche se non abito nelle adiacenze, è giusto apportare il proprio contributo per una battaglia che vede ognuno di noi protagonista”. L’isola ecologica dovrebbe essere realizzata su di un terreno oggetto di abusi edilizi acquisito dal comune; di questa realizzazione se ne doveva discutere nell’ultimo consiglio comunale, ma è stato rimandato il tutto perché mancava ‘qualche dettaglio tecnico’. Resta poi l’incognita della cava Balletta, la seconda seduta della conferenza di servizi è prevista per il prossimo 19 dicembre, il sindaco, Andrea Pirozzi, ha già dato parere negativo e certamente proseguirà su questa direttiva ma la tranquillità si avrà solo quando ci saranno le conclusioni. Si ribadisce ancora una volta la necessità di un confronto democratico, dove ascoltare la voce dei  cittadini  per una valutazione oggettiva dei  rischi e dei disagi connessi a questi progetti; i promotori, inoltre, auspicano che il primo cittadino non rimanga insensibile  alla crescente disapprovazione del progetto da parte di tutta la cittadinanza.  Un fine anno con così tante incognite ambientali è decisamente turbolento.