close
Senza categoria

Criminalità nel mondo dell’impresa e dell’economia locale, la Commissione legalità di Confindustria Caserta adotta le linee guida di prevenzione

sede-confindustria-caserta

sede-confindustria-casertaCASERTA – Linee guida della Commissione di Legalità. Il 30 marzo 2015 la Commissione di Legalità costituita da Confindustria Caserta e dalla Prefettura di Caserta ha adottato le Linee Guida di attuazione del Protocollo d’Intesa sottoscritto il 2 marzo scorso, finalizzato al rafforzamento e alla tutela della sicurezza intesa nell’ottica di una intensificazione dei controlli mirati a prevenire e reprimere ogni possibile infiltrazione della criminalità organizzata nel mondo dell’impresa e dell’economia locale.

Il Protocollo, che ha come obiettivo quello di instaurare una stretta collaborazione tra imprese e pubbliche Autorità per rendere efficaci i controlli ed il monitoraggio, assicura adeguati strumenti di prevenzione in materia di appalti e subappalti per lavori, servizi, forniture e sperimenta, nel contempo, a tutela delle attività economiche e degli investimenti, forme innovative di vigilanza dei flussi di manodopera e mezzi nei cantieri.

Le Linee Guida attuative, in particolare, prevedono l’introduzione, a titolo sperimentale, del cd. “settimanale di cantiere” per il monitoraggio di tutte le fasi di esecuzione dei lavori e dei soggetti deputati alla loro realizzazione ai fini di una più efficace attività di prevenzione e contrasto della criminalità organizzata.

Nello specifico, aderendo all’Accordo di partenariato, l’impresa si impegna a nominare un “referente di cantiere” il quale, con cadenza settimanale, fornisce alle Forze di Polizia e, per conoscenza alla Prefettura, informazioni relative alle ditte che a qualsiasi titolo risultino coinvolte nei lavori, ai mezzi impiegati, al personale presente in cantiere e a tutti coloro ai quali sia consentito l’accesso ai luoghi di lavoro.

Tale comunicazione può avvenire anche a mezzo p.e.c., mediante attivazione di un sistema informatizzato simile a quello realizzato dalla D.I.A. (sistema SIRAC) o dalla Prefettura di Reggio Calabria (sistema Sciamano).

Un ulteriore tassello, dunque, realizzato dall’Associazione datoriale in sinergia con le Istituzioni locali, che va ad aggiungersi alle ulteriori strategie messe in campo per contrastare forme di illegalità diffuse e contigue alla criminalità organizzata.

Leave a Response

Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.
Close