close
attualitàOpinioni

Finalmente è morto il Lìder Maxìmo. Meglio tardi che mai

fidel-castro-morto
loading...

Finalmente è morto un altro elemento affamatore del proprio popolo. Questa mattina la grande bella notizia ha scosso il mondo acclamata da quanti hanno sofferto a causa della brutalità del regime cubano.

Ma il vero criminale in questa storia è di sicuro la sinistra italiana. Macchiata della colpa della cecità. Un errore che non le perdoneremo mai.

Carlos Franqui, rivoluzionario della prima ora e poi dissidente, ha passato molti anni nel nostro Paese: “”Sui delitti di Fidel Castro la sinistra ha girato la testa”

“In Italia la sinistra ha sempre girato la testa dall’altra parte. Più con il silenzio che con l’appoggio aperto. In nome dell’antiamericanismo hanno sempre perdonato tutto a Fidel Castro.

Gli intellettuali e i politici della sinistra hanno sempre saputo bene qual era la situazione dei diritti umani a Cuba ma quando con altri dissidenti andavamo a chiedere una firma di condanna a Fidel Castro ci sbattevano la porta in faccia. Mi ricordo il 1971. Fidel Castro aveva fatto arrestare un poeta, Heberto Padilla, e Luigi Nono scrisse una lettera di protesta che l’Unità si rifiutò di pubblicare”.

Corre sul filo dei ricordi Carlos Franqui, il “nonno” dei dissidenti cubani che oggi vive a Portorico. Ottantaquattro anni, con Fidel sulla Sierra Maestra durante la rivoluzione, direttore di Revoluciòn, poeta, scrittore, saggista fuggito da Cuba nel 1968 quando criticare la rivoluzione voleva dire, anche in Europa, accettare l’ostracismo, l’insulto personale, l’accusa, tremenda in epoca di Guerra Fredda per un uomo di sinistra, di “tradimento”.

In queste parole tutto l’odio di quanti hanno perso la libertà a causa di questi esseri spregevoli.

0
Close