close
juve-caserta
loading...

Tutto ci si sarebbe aspettato tranne che la Juvecaserta potesse battere in casa la quarta forza dello scorso campionato, ovvero il Vanoli Cremona, con un risultato pesantissimo di 8295.

1° QUARTO:

Eppure le cose non stavano andando molto bene. All’inizio del 1° quarto la squadra casertana subito si era portata in vantaggio con un +2, superata da un tiro da tre punti, e poi la continua e solita lotta di fare su e giù per segnare e per non far segnare, ma alla fine se lo aggiudica il Vanoli Cremona con il risultato di 19-13, spinti dagli onnipresenti Turner e Holloway e sembra già l’inizio di una sentenza, l’inizio di un incubo, l’inizio della seconda sconfitta stagionale e seconda fuori dal PalaMaggiò di Caserta.

2° QUARTO:

Il 2° quarto inizia anche nel peggiore dei modi: la squadra lombarda riesce ad ampliare il vantaggio, sempre coi soliti Holloway e Turner, raggiungendo persino anche i +8, +9 e +10. Edgar Sosa non sembra essere in giornata, anche se alla fine centrerà 12 punti: 3 canestri da due, 1 da tre e 3 tiri liberi, la PastaReggia si affida a Putney, Cinciarini e Czyz. Ma comunque il 2° quarto terminerà con +12 a favore del Vanoli, 44-32.

3° QUARTO:

Nel 3° quarto è successo qualcosa di inaspettato e spettacolare. Non si sa cosa Dell’Agnello abbia detto ai suoi, non si sa che tipo di bevanda energetica abbiano bevuto i cestisti casertani, ma il 3° quarto è stato un qualcosa di epico. Un solo punto messo a segno dai cremonesi nella clamorosa rimonta casertana all’inizio del 3° quarto, che giungono alrisultato di 45-43, e proprio lì nasce il dominio della Juvecaserta. Putney in stato di grazia si porta addosso la squadra, il Vanoli commette errori difensivi ma anche in fase di possesso, lasciando il parquet spianato alla squadra avversaria, che in alcuni casi ha anche tutto il tempo di ragionare, dare un’occhiata al canestro, tirare e fare punto. Il punteggio porterà sul tabellino uno score di 58-64, vale a dire 32 punti messi a segno dalla Juvecaserta e solo 14 dalla Cremonese.

4° QUARTO:

Nel 4° quarto gli unici a provarci ancora del Vanoli sono sempre Turner e Holloway, che si rivelano quasi sempre infallibili, sia dai tre punti che dai tiri liberi nonostante la stanchezza. Dall’altra, invece, continuano la festa anche Gaddefors (6 punti) e Bostic che ha contribuito con 12 punti, gli stessi di Sosa, che nei minuti finali torna ad essere il giocatore che è sempre stato. Alla fine il match terminerà con un incredibile punteggio di 82-95, roba da non credere, una rimonta cominciata nel 3° quarto e poi continuata fino al 4°.

MVP:

L’MVP di questo match è sicuramente Raphiael Putney. 21 punti per lui: 4 tiri da due, 3 da tre, e 4 tiri liberi su quattro entrati nel canestro, ampliando la perfomance con 8 rimbalzi, 1 offensivo e 7 difensivi, ed 1 assist.

Gli altri marcatori:

Aleksander Czyz e Daniele Cinciarini: 15 punti

Edgar Sosa e Joshua Bostic: 12 punti

Mitchell Watt: 10 punti

Viktor Gaddefors: 6 punti

Darryl Jackson e Marco Giuri: 2 punti

Vittoria molto importante, che regala un sorriso dopo la sconfitta in trasferta contro la Pallacanestro Varese, altri due punti e sale al quarto posto.

A cura di Simmaco Munno

 

 

Tags : Lega APalaRadiPastaReggia JuvecasertaVanoli Cremona
0
Close