Raffaele Iglio: ”Spero nel reale cambiamento della comunicazione che non deve essere solo diffusione ma dialogo, corrispondenza e conversazione tra l’Amministrazione e i cittadini. Tutto in nome della trasparenza”. – La Tribuna Online
l> Raffaele Iglio: ”Spero nel reale cambiamento della comunicazione che non deve essere solo diffusione ma dialogo, corrispondenza e conversazione tra l’Amministrazione e i cittadini. Tutto in nome della trasparenza”. – La Tribuna Online
Santa Maria a Vico

Raffaele Iglio: ”Spero nel reale cambiamento della comunicazione che non deve essere solo diffusione ma dialogo, corrispondenza e conversazione tra l’Amministrazione e i cittadini. Tutto in nome della trasparenza”.

FB_IMG_1545154617806

E siamo a sei! Cambiano i segretaricomunali ma le istanze di Raffaele Iglio restano sempre senza risposta, la sua tenacia gli ha proibito di desistere e
lo scorso dieci dicembre ha invitato la dott.ssa Filomena Iollo a fornire cortese riscontro alla nota del 27/7/2018 che in realtà era un seguito di una lunga serie : 27 agosto 201 5; 24 novembre 2015; 15 gennaio 201 6; 15 novembre 2016; 27/7/2018. La richiesta è sempre la stessa: la trasparenza e l’adozione di nuovi regolamenti su attività e servizi finora non disciplinati, per una maggiore trasparenza amministrativa che “servirebbe per affrontare correttamente il tema delle Commissioni consiliari che rappresentano il perno dell’attività amministrativa e come tali andrebbero pubblicizzate all’albo pretorio per permettere la partecipazione dei cittadini”. Iglio inoltre ricorda che l’art. 18 dello Statuto comunale stabilisce che : “Il Consiglio comunale per l’esercizio delle proprie funzioni si articola in Commissioni consiliari permanenti. Oltre quelle obbligatorie per legge, devono essere istituite le seguenti Commissioni:1) Bilancio e programmazione economica;
2) Urbanistica, territorio e ambiente;3) Politiche sociali; 4) Statuto e Regolamenti;
5) Conferenza dei Capigruppo. – e aggiunge – Egregio Segretario Generale, con la presente nota, Le chiedo: 1 di far pubblicare all’albo pretorio on-line gli avvisi di convocazione delle sedute delle Commissioni Consiliari permanenti e di tutte quelle previste per legge, unitamente agli ordini del giorno, per garantire ai cittadini la possibilità di poter assistere alle riunioni cosi come previsto sia dal T.U.E.L. che dallo Statuto Comunale; 2. di far pubblicare in un’apposita sezione del sito web comunale gli avvisi di convocazione sopra citati e tutti i verbali delle sedute stilati dalle varie Segreterie di Commissioni, unitamente ai relativi file audio, in modo che possano essere accessibili ai cittadini, consentendo loro la verifica del contenuto dei lavori e la loro proficuità;
3. di invitare i Responsabili di Settore ad inviare alla Commissione Statuto e Regolamenti gli schemi dei regolamenti ancora mancanti delle Commissioni consiliari permanenti e di tutte quelle previste per legge, per un preventivo esame ed approfondimento da sottoporre successivamente al Consiglio comunale per l’approvazione. Disciplinare la tipologia, le competenze, il funzionamento e le forme di pubblicità dei lavori delle diverse commissioni, nel rispetto dei principi stabiliti dallo Statuto comunale e dal Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale, eviterà che le Commissioni stabiliscano le proprie modalità di funzionamento ispirandosi a criteri troppo generici come quello della massima semplicità operativa”. Non avendo avuto riscontro alle sue istanze Raffaele Iglio si è premurato di inviare all’ex segretario comunale Alessandro Verdicchio, quando era in servizio a Santa Maria a Vico, .una questa lettera in cui esordiva così “È l’articolo 3 – Obblighi del Segretario”, è facile intuire che il prosieguo è di norme comportamentali dei segretari comunali. Raffaele Iglio inconfutabilmente cittadino attivo e propositive dichiara: “Sono state annunciate importanti novità in tema di comunicazione, mi auguro che ci sia un’inversione di tendenza e che tutti i cittadini possano accedere alle informazioni, auspico inoltre che sia una comunicazione a 360 gradi fatta non solo di divulgazione delle notizie ma di corrispondenza, dialogo e conversazione tra l’amministrazione e i cittadini”.