close
attualità

Storia di un’adozione “speciale”

Luca02-kjkC-U46070336460934xtF-512×384@CorriereMezzogiorno-Web-Mezzogiorno

 

 

Luca Trapanese, 40 anni, single e gay, è il protagonista di una storia piena di coraggio. Alba, 18 mesi è il personaggio chiave del libro “Nata per te”, scritto da Trapanese e Luca Mercadante.

A Napoli, il quarantenne Luca Trapanese ha adottato Alba, una bambina affetta dalla sindrome di down. Il tribunale ha acconsentito all’adozione per casi speciali, dato che la piccola oltre ad essere stata abbandonata dalla madre dopo il parto, è stata rifiutata da ben 7 famiglie a causa della sua condizione. Trapanese ha dichiarato al giornale “Il Mattino”, di non aver mai temuto per una scelta del genere, in quanto da tempo lui e l’ex compagno desideravano adottare, opzione che nonostante tutto è stata sostenuta dall’uomo single. Luca ha fondato diverse associazioni per disabili, entrando nell’ottica del problema e riuscendo a captare con sensibilità la diversità di Alba. Il coraggio di Luca ha regalato alla piccola una vita migliore, inserita in un contesto unito e sereno, la bimba cresce sana. Fin dai primi giorni di vita, Luca ha accudito Alba nonostante le mille difficoltà. L’adozione è stata concessa dai giudici grazie alla legge 184/1983, ove all’articolo 44, disciplina le eccezioni alla regola, rispetto alle normali adozioni concesse alle coppie: Orfani di madre e padre, gravi handicap, casi in cui al momento della morte dei genitori si sia instaurato un solido rapporto con l’uomo o la donna single. Sulla questione i sostenitori delle “famiglie tradizionali” non hanno proferito parola. Sarà un dissidio di ipocrisia congiunto alla discriminazione verso i bambini disabili? Rispondiamo menzionando la scelta d’amore di Luca, che è andato oltre le difficoltà, oltre i pregiudizi, oltre la diversità.

Sara Di Mattia

Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.
Close